Ultimo aggiornamento: 20 ottobre 2017 alle 15:57

Lucca: donne italiane in fila per fare sesso coi migranti

Incredibile quanto avvenuto nel centro di accoglienza per migranti gestito dalla Misericordia a Camaiore, in provincia di Lucca. Tutto è iniziato quando Riccardo Erra, capogruppo di Forza Italia, presenta un’interrogazione  su presunti incontri sessuali che sembrano avvenire nel centro profughi della cittadina toscana. A quel punto il sindaco Alessandro Del Dotto invia una pattuglia di vigili urbani a controllare con un appostamento ciò che accade lì dentro e chiarire una volta per tutte questa storia del sesso coi migranti. E quello che scoprono gli agenti municipali ha dell’incredibile.

Si pensava che gli ospiti del centro accoglienza, tutti uomini, fossero soliti accogliere donne nigeriane per degli incontri sessuali. Ma la verità è che oltre a qualche donna proveniente dall’Africa, la maggior parte del via vai femminile era caratterizzato da donne italiane, molte delle quali sposate e residenti a Camaiore. Pare che gli incontri sessuali andassero avanti già da diverso tempo e che diverse segnalazioni fossero già state fatte. Il punto è che non è stato commesso alcun reato. Quindi non c’era e non c’è molto da fare dal punto di vista legale. Certo, ora la cittadina è in subbuglio e gli agenti che hanno visto molte donne che conoscevano bene sono in enorme imbarazzo. Tutti vorrebbero sapere i nomi di queste signore, alcune casalinghe insospettabili, che hanno ceduto al fascino dello straniero e non si sono preoccupate minimamente di camuffare i loro intenti.

(Visited 5 times, 1 visits today)

Commenta per primo on "Lucca: donne italiane in fila per fare sesso coi migranti"

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*